“Il gioco dell’angelo” (C. Ruiz Zafon)

Il gioco dell angelo.jpg★☆☆☆☆

Quasi una settimana, per  finirlo. Il fatto è che questo è un libro che non ti permette di distrarti, di perdere il filo, di dimenticare un passaggio. Non puoi permetterti di arrivare a un punto e chiederti “E questo chi è? Dove l’ho già letto questo nome?”. Devi stare all’erta, attento, curioso dalla prima all’ultima pagina, sperando di tirare, come si suol dire, le somme. Sperando di dare un senso ad un racconto estremo, gotico, violento, tenero e tutto sommato magistrale.

Annunci

8 pensieri su ““Il gioco dell’angelo” (C. Ruiz Zafon)

  1. emmaci ha detto:

    Uhm, secondo me tre stelline sono fin troppe: non mi ha entusiasmata tanto. L’inizio è promettente, ma a lungo andare l’ho trovato pesante e non vedevo l’ora di finirlo. Mi ha deluso un po’… peccato!

  2. coccinella ha detto:

    A me è piaciuto come è scritto, ci sono passaggi veramente belli (soprattutto considerando che mi aspettavo un libro “da ombrellone”, alla Dan Brown per intenderci). E invece mi ha piacevolmente stupito. E’ vero che in alcuni passaggi è un po’ pesante e che ho fatto fatica a riannodare i fili, in certi punti, ma partendo dalle mie aspettative è stata una bella scoperta.

  3. Sabrina ha detto:

    Ciao, sono relativamente nuova da queste parti. Ti leggo da qualche giorno e mi piace molto questo blog. Ti scrivo perchè questo post mi ha incuriosita non poco… io ADORO Zafon, ma negli ultimi tempi sono rimasta un pò indietro con la lettura dei suoi libri.
    Le trame “da riannodare” sono quelle che preferisco. Devo avere “Il gioco dell’angelo”!
    A presto coccinella!!

  4. coccinella ha detto:

    Ciao Sabrina :) Innanzi tutto grazie per i complimenti :)
    Riguardo “Il gioco dell’angelo”… è uscito in edizione supertascabile ed economica, non hai più scuse ;)

  5. cescocesto ha detto:

    ho comprato oggi alla coop in versione super-scontatissima l’ombra del vento (di cui credo di aver capito che questo libro è il seguito), e cercando qualche recensione sono finito su questo blog. mooolto carino, davvero complimenti!

    ora vado a leggermi qualche altra recensione per decidere i miei futuri acquisti.

  6. phoebe ha detto:

    Mi è piaciuto niente da dire. Poi ci sono i giochetti delle case editrici che odio a prescindere: perchè stampare un libro in arial 16 con margini mastodontici? Per farlo diventare PIU’ ALTO e giustificarne nel lettore medio il prezzo? Mah… Pessimismo e fastidio…

  7. coccinella ha detto:

    @cescocesto: Grazie per i complimenti :) non sapevo che questo fosse il seguito di un altro libro.. A questo punto dovrò rimediare e leggere anche l’altro.. Se lo finisci prima tu, fammi sapere!
    @phoebe: sagace! Io l’ho comprato in edizione supereconomica, l’arial era dimezzato e la mia vista pure. Ma odio i libri in edizione “deluxe”. Non per il prezzo, né per l’arial sedici. Per la doppia copertina che mi sguscia sempre via. E perché sono troppo pesanti e a letto mi fanno male le braccia…

  8. Sabrina ha detto:

    Ciao Giorgia, ritorno qui.
    L’ho comprato a fine giugno, proprio in versione economica e l’ho letto in vacanza.
    La domanda … “aspetta dov’è che ho già letto questo nome?” mi è venuta in effetti, perchè ho scoperto che anticipa “L’ombra del vento” (Non è il seguito… Credo che cescocesto volesse intendere questo) Mi è piaciuto, ma tra i due preferisco decisamente L’ombra del vento.
    A presto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...