“Un giorno d’estate”

Un giorno d estate.jpg★☆☆☆☆

Un suicidio, acqua che si agita; quando si calma, ecco l’assassino – e no, non è il maggiordomo {Un giorno d’estate} #libroin140

Un giallo ambientato in Irlanda che, in quanto giallo, mi ha attirato come il miele le mosche. E invece, é rimasto un po’ cosí, insipido. Perché a me dei gialli piace l’indagine, il percorso mentale che l’investigatore fa per giungere alla soluzione ~ che poi immagino sia la sola ragione per cui i gialli piacciono, in generale. Questo, invece, é la descrizione di un mondo, dei suoi personaggi, dei loro legami sociali, della loro vita privata. Poi ad un certo punto si scopre chi é l’assassino. E non é nemmeno il maggiordomo.

Annunci

11 pensieri su ““Un giorno d’estate”

  1. wwayne ha detto:

    Se ti piacciono i gialli, spero che questo mio post ti dia degli spunti per le tue letture future: wwayne.wordpress.com/2013/08/24/la-fine-di-un-altra-era/. Nei commenti puoi trovare la lista di tutti i libri che ho letto negli ultimi mesi, una sorta di aNobii in versione WordPress. : )

    • wwayne ha detto:

      Purtroppo non ho aNobii… pensa che non ho manco Facebook! L’ unica prova della mia esistenza nel cyberspazio é il mio blog… dove peraltro sono presente in forma anonima, quindi sai che prova! Darò senza dubbio un occhio alla tua lista personale. : )

  2. wwayne ha detto:

    Ho appena finito di scorrere la tua lista personale.
    Onestamente non condivido la tua passione per Palahniuk: il suo “Soffocare” é il libro peggiore che abbia mai letto. Ma magari sono io che ho iniziato con il romanzo sbagliato.
    Ho trovato anche diversi autori e libri ai quali sono molto affezionato. Su tutti “The Help” e soprattutto “Parker Pyne indaga”, un libro che mi é rimasto profondamente impresso. E’ un vero peccato che Agatha Christie abbia “usato” così poco questo personaggio… concordi?

    • coccinella ha detto:

      nemmeno io condivido (ancora) la mia passione per palahniuk, nel senso che non ce l’ho ancora. la lista contiene i libri che ho, ma che non ho necessariamente letto… caso emblematico, palahniuk. ho trovato uno stock di libri che ho messo lí in attesa di tempi migliori, e non ho ancora avuto il tempo (o coraggio) di iniziare. il che mi accende una lampadina in testa: dovrei trovare il modo di distinguere tra libri letti e libri che prima o poi dovrei leggere… ci studio sopra ;) (e riguardo parker pyne, concordo in pieno, soprattutto perché nel complesso agatha non é la mia scrittrice di gialli preferita, preferisco conan doyle, per dire… e mi avrebbe incuriosito, qualche libro in piú su parker pyne)

    • coccinella ha detto:

      non so, io mi aspettavo qualcosa di completamente diverso… per certi versi non sembra nemmeno un giallo. non so… se ti capita di leggerlo fammi sapere :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...