“Il desiderio di essere come tutti” (F. Piccolo)

Il desiderio di essere come tutti.jpg★★★☆☆

Ho incontrato recentemente Francesco Piccolo ad una conferenza. Non lo conoscevo, e in meno di due ore è riuscito a convincermi a comprare due suoi libri. Questo, al contrario di quanto mi aspettassi, non è un romanzo vero e proprio, ma una sorta di autobiografia politica, un po’ diario e un po’ saggio. Nonostante questo (e nonostante proprio per questo in certi passaggi sia un po’ lento) ci sono alcune pagine di lucida analisi della sinistra italiana che valgono da sole tutto il libro.

Da quel momento in poi, ogni sconfitta politica diventa un rafforzativo delle proprie idee. Una conferma che il mondo è corrotto e che il progresso è malato. Una conferma, quindi, che le persone giuste e i pensieri giusti sono minoranza, fanno parte di un mondo altro, che non comunica più con il Paese – perché il resto del Paese, impuro e corrotto, si è perduto. (cit.)

Annunci

2 pensieri su ““Il desiderio di essere come tutti” (F. Piccolo)

  1. coccinella ha detto:

    Non so perché, ma leggendo quella frase, e pensando ai discorsi di tanti amici di sinistra (e, devo ammetterlo, per estensione, anche di tanti “grillini”), mi sono convinta che il problema stia proprio lì…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...