pensieri

A proposito di Bruxelles

Ho sempre pensato che Bruxelles la domenica fosse noiosa: negozi chiusi, vie deserte, ristoranti in riposo settimanale. Ovviamente, non l’avevo mai vista veramente deserta: lo scorso fine settimana Bruxelles era, letteralmente, una città fantasma.

Surreale, Bruxelles, con colonne di mezzi blindati che attraversavano la città, lentamente, come in quei film che parlano di guerre e invasioni. Apocalittica, Bruxelles, con i giornali che per evitare di vanificare gli sforzi della polizia hanno sospeso la divulgazione delle notizie sulle operazioni in corso domenica, senza darci modo di sapere cosa stesse succedendo, né dove. Silenziosa, Bruxelles, niente macchine, nessuna risata, persino i cani devono aver pensato che non era il caso di abbaiare. Soltanto, ogni tanto, una sirena o il rumore lontano di un elicottero.

Qui l’emergenza non è finita con gli assalti coordinati di domenica, né con gli arresti di lunedì. La metropolitana non si è ancora messa in moto, i centri commerciali e le scuole rimangono chiusi, molti uffici si sono “trasferiti” diligentemente sul divano di chi lavora da casa. La polizia continua a pattugliare le strade, anche se ha avuto il buon gusto di togliermi quell’antiestetico carro armato dalla piazzetta vicino casa.

Nonostante la tensione, però, noi qui siamo riusciti a vivere, non solo a “sopravvivere”. Sono state prese misure straordinarie per permettere operazioni di polizia su larga scala, abbiamo incrociato mezzi pesanti e uomini e donne vestiti a guerra, abbiamo visto la città richiudersi su se stessa, silenziosa, per lasciar spazio a chi aveva promesso di difenderci. La mattina dopo ci sentiamo un po’ come se avessimo fatto la nostra parte: noi che ce ne siamo stati a casa a mangiare pizza surgelata e a giocare con i bambini, gli abitanti dei quartieri a rischio che si sono visti l’esercito in salotto, persino i gatti che hanno inondato Twitter come risposta alla richiesta delle autorità di non divulgare dettagli sulle operazioni in corso.

Quello che viene spesso additato come un paese diviso, con un governo (quando ce l’ha) incompetente, con una burocrazia che persino un italiano definirebbe fantozziana, ha dovuto gestire un’emergenza e ha dato prova di saper chiedere (in tre lingue, ça va sans dire) ai suoi cittadini di collaborare per fronteggiarla. E noi cittadini, di ogni nazionalità e religione, oggi siamo qui, mentre portiamo fuori il cane, a parlare di cosa abbiamo fatto di bello in questo fine settimana diverso dagli altri.

Nota a margine: questo pezzo è stato scritto per (e pubblicato su) il quotidiano piacentino Libertà. Il giorno dopo aver scritto questo pezzo, il governo belga ha annunciato l’estensione del livello di massima allerta fino almeno a tutta questa settimana. E ho pensato che forse il riferimento all’incompetenza preconcetta delle istituzioni belghe non è così campato per aria. Le mie impressioni sul weekend e sull’atteggiamento dei miei nuovi concittadini in quelle quarantott’ore di straordinaria follia rimangono invariate, per fortuna, ma per chi volesse anche il rovescio della medaglia qui c’è un’articolo interessante su cui riflettere.

Annunci

1 thought on “A proposito di Bruxelles”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...