Il giro d’Europa in 28 libri

Quando, l’anno scorso, ho partecipato alla cerimonia di premiazione dell’European Union Prize for Literature, la parte intraprendente di me ha messo in lista d’attesa un nuovo progetto: leggere almeno un libro per ogni paese dell’Unione Europea. Qualche ora dopo la parte disfattista di me ha cancellato il progetto, archiviandolo alla voce “irrealizzabile”. Poi, la rivelazione: pare che una splendida donna che risponde al nome di Ann Morgan abbia letto, in un anno, un libro per ogni paese del mondo (qui trovate il suo TED talk). E allora mi sono detta che in fondo 28 paesi non sono niente, in confronto.

Qui sotto trovate la lista dei “finalisti” (e, in grigio, di tutti i suggerimenti che mi sono arrivati), se volete prendere spunto. E se volete aiutarmi con altri suggerimenti, lasciate un commento a questo post o su twitter (hashtag: #28libri).

Last year I attended the European Union Prize for Literature Award Ceremony, and I thought of a new project I could put in place: reading at least one book from every EU member State. Then, after a few hours, I decided it wouldn’t make sense to compile a list of books I could not read simply because… well, I only speak Italian, English and French. But then, Ann Morgan revealed me that my idea was not too crazy: she read, in a year, a book from every single country in the world (here you can find her TED talk). Nothing compared to my short 28-countries list… And so – here I am.

Below is the list of the 28 books I decided to read (plus, in grey, all the suggestions I received so far). If you want to help and suggest titles for the missing countries, just send me a title by leaving a comment, or twit it (hashtag: #28libri).

  1. Austria: Momenti fatali (S. Zweig) / Atlas of an anxious man (C. Ransmayr)
  2. Belgio: Corrono voci (H. Claus) / La sofferenza del Belgio (H. Claus) / Il compagno di scalata (H. Bauchau) / altri autori da scoprire: G. Op de Beeck, T. Lanoye
  3. Bulgaria: Auto da fé (E. Canetti) / Romanzo naturale (G. Gospodinov)
  4. Cipro: A watermelon, a fish and a bible (C. Lefteri)
  5. Croazia: Vita fuori tempo di Ivan Dolinar (J. Novakovich)
  6. Danimarca: Assassinio di Marzo (D. Turèll) / Il senso di Smilla per la neve (P. Høeg) / Il popolo che disse no (B. Lidegaard)
  7. Estonia: La congiura (J. Kross)
  8. Finlandia: L’anno della lepre (A. Paasilinna)
  9. Francia: Signori Bambini (D. Pennac) / La vita istruzioni per l’uso (G. Perec) / La liste de mes envies (G. Delacourt)
  10. Germania: In tempi di luce declinante (E. Ruge) / Ognuno muore solo (H. Fallada) / La città dei libri sognanti (W. Moers)
  11. Grecia: Tante piccole infamie (P. Karnezis) / Bar Flaubert (A. Stamatis) / The great chimaera (M. Karagatsis)
  12. Irlanda: Il faro di Blackwater (C. Toibin) / Paddy Clarke ah ah ah! (R. Doyle) Il ritratto di Dorian Gray (O. Wilde) / Aspettando Godot (S. Beckett) / Edna O’Brien)
  13. Italia: Un matrimonio, un funerale, per non parlar del gatto (F. Guccini) * / Quer pasticciaccio brutto de via Merulana (C. E. Gadda) / Racconti Romani (A. Moravia)
  14. Lettonia: Scarpette da ballo nelle nevi di Siberia (S. Kalniete) / Il mondo libero (D. Bezmozgis)
  15. Lituania: La vita davanti a sé (R. Gary) / Vilnius Poker (R. Gavelis)
  16. Lussemburgo: Minute stories (R. Gottlieb-Cahen)
  17. Malta: What the night lets you say (P.J. Mejlak
  18. Paesi Bassi : Il giorno dei morti (C. Nooteboom) / La scoperta del cielo (H. Mulisch) / Scomparsa (T. Krabbè) / Mentre mio figlio fa l’amore (R. Dorrestein) / Le dune delle Indie (A. van Dis) / Il maestro di cerimonie (A. Grunberg)
  19. Polonia: Oltre il giardino (J. Kosinski) / Il Pianista (W. Szpilman) / Il ghetto di Varsavia, Diario (M. Berg)
  20. Portogallo: Indice medio di felicità (D. Machado) ** / I Maia (J.M. Eça de Queiros) / Saggio sulla lucidità (J. Saramago) / Lettere dalla guerra (A. Lobo Antunes)
  21. Regno Unito: Isole, incontri, pub, soprattutto pub (I. Merchant) / L’isola (V. Hislop) / La casa del sonno (J. Coe) / Hangover square (P. Hamilton)
  22. Repubblica ceca: Lo scherzo (M. Kundera) / L’insostenibile leggerezza dell’essere (M. Kundera)
  23. Romania: Il paese delle prugne verdi (H. Müller) / Maitreyi (M. Eliade)
  24. Slovacchia: Samko Tale’s Cemetery book (D. Kapitanova) / Rivers of Babylon (P. Pistanek)
  25. Slovenia: Il giradischi di Tito (M. Mazzini)
  26. Spagna: Tanta vita (A. Palomas) / Cronaca sentimentale in rosso (F.G. Ledesma) / Capitano Alatriste (A.Pérez-Reverte) / La verità sul caso Savolta (E. Mendoza) / Il profumo delle foglie di limone (C. Sanchez) / La piazza del diamante (M. Rodoreda)
  27. Svezia: L’uomo che metteva in ordine il mondo (F. Backman) / The emigrants (V. Moberg) / Horrific Sufferings of the Mind-Reading Monster Hercules Barefoot (C.-J. E.  Vallgren) / Il medico di corte (P. Olov Enquist)
  28. Ungheria: Le braci (S. Márai) / Il libro dei padri (M. Vamos) / Essere senza destino (I. Kertesz)

* Quando la scelta è troppo ampia (un libro italiano?!) è meglio ridurla. Invece di un libro italiano, ho deciso di scegliere un libro emiliano, perché se casa deve essere, allora casa sia.

** In omaggio al motore del progetto – lo European Union Prize for Literature – il libro di uno degli autori vincitori dell’edizione 2015, che ho avuto l’onore di incontrare alla cerimonia di premiazione.

Post scriptum. For those who suggested a title “only if” I would do the same for Italy, here it is:

  • The “must read”: History (Elsa Morante) / A man (Oriana Fallaci) / If on a winter’s night a traveller (Italo Calvino)
  • The writer “you never get to know well enough”: Umberto Eco (The Name of the Rose – Foucault’s Pendulum – The island of the day before)
  • One of my favourites: Ocean Sea (Alessandro Baricco)
  • The one everybody is talking about: My Brilliant Friend (Elena Ferrante)
  • Recently read and loved: Accabadora (Michela Murgia)
Annunci

10 pensieri su “Il giro d’Europa in 28 libri

  1. nimerya ha detto:

    Che bellissima idea! Quais quasi te la rubo…Qualche libro che mi viene in mente:
    – “L’Isola” di Victoria Hislop (Regno Unito) o “Isole, incontri, pub, soprattutto pub” di Ian Merchant
    – La principessa di ghiaccio di Camilla Lackberg (Svezia)
    – se per caso non ne hai ancora letti i libri di Pennac (Francia) altrimenti cerco qualcosa di più’ originale
    – “Paddy Clarke ah ah ah!” di Roddy Doyle (Irlanda)
    Per ora non sono originalissimi, ma se mi viene in mente altro riferisco :D

  2. Chiara ha detto:

    Brava! Un pò ti invidio…sono secoli che non leggo più con una certa costanza..ma continuo a comprare libri che restano in attesa di essere letti.
    Se non l’hai già letto, ti consiglio “L’ultimo ballo di Charlot” di Fabio Stassi.
    A presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...