“Signori bambini”

88-07-88080-3_Pennac_Signori bambini.indd★★☆☆☆

Premessa necessaria: io adoro Pennac (la saga di Malaussène, per dire, ha il suo altarino privato nella mia libreria). Va da sé che mi sono buttata a capofitto in questo romanzo: già pregustavo le irriverenti avventure di personaggi bizzarri e impossibili in una città che sembra più un circo che una capitale europea. E invece. Il problema è che sarebbe stato un bel racconto, e invece per chissà quale motivo è stato allungato, diluito, distorto fino a farne un romanzo tutto sommato noioso e insipido. Peccato.

Annunci

2 pensieri su ““Signori bambini”

  1. nimerya ha detto:

    E’ quello che e’ piaciuto meno anche a me. Io adooooro Pennac e nel lontano 2008 ho avuto la fortuna di incontrarlo, alla presentazione di un libro si Stefano Benni (pare siano amici) a Parigi e di farmi autografare i libri :P

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...